Anche il centro antiviolenza di Palo del Colle celebra l’8 marzo

402

Palo del Colle ricorda l’8 marzo attraverso una serie di iniziative volte al riconoscimento delle lotte portate avanti dalle donne nel corso della storia: dalle conquiste sul piano dei diritti, dell’economia, alla politica. Senza falsi moralismi, è indispensabile risvegliare e mantenere attiva l’opinione pubblica (ancora una volta) sui temi della discriminazione e violenza femminile. Una lotta estemporanea che non deve conoscere etichette, che siano o meno giornate come queste.

Seguendo questa linea, il centro antiviolenza dell’ambito Bitonto-Palo del Colle “Le Rose di Atacama” (che si occupa attivamente sul territorio contro gli abusi sulle donne), celebra l’8 marzo con iniziative di informazione e sensibilizzazione: focus sul contrasto della violenza di genere e sulla promozione di una cultura non violenta, a partire dalle ispirazioni e dalle riflessioni che ruotano intorno alla figura femminile.

Donne e storia – Durante la giornata, verranno organizzate delle attività laboratoriali artistiche all’interno di una location suggestiva: verranno allestiti dei pannelli con immagini e biografie di donne della storia, che si sono distinte nel tempo per resilienza, forza e valore. Alcuni di questi pannelli saranno lasciati volutamente bianchi: qui i visitatori potranno il proprio messaggio, in segno di partecipazione allo spirito dell’8 marzo. I panelli saranno affissi presso la sede del  laboratorio urbano Rigenera dalle ore 8,30 alle ore 20.

La giornata si completa con un ciclo di appuntamenti in programma sempre a Rigenera, dove dalle 18.00 si terrà un laboratorio interattivo a partecipazione gratuita dal titolo “Granelli di… Emozioni”: un approfondimento  creativo del mondo femminile. Dalle 19.00 ci sarà “Che donne! Dignità. forza. riscatto”, iniziativa a cura dell’assessorato alle pari opportunità di Palo del Colle.

A conclusione della giornata, a partire dalle 20.00, le attività confluiranno nell’incontro-dialogo con Antonella Caprio autrice del libro “Un granello di colpa” per testimoniare in maniera congiunta la forza delle donne.