Approvato il piano per il diritto allo studio. Ecco i numeri.

1388

Approvato dall’ultimo consiglio comunale  il piano di intervento per il diritto allo studio anno 2017.

Ma di che cifre parliamo?  Secondo le informazioni forniteci dall’assessore alla Pubblica istruzione, Bernardo Bottalico: 

la popolazione scolastica palese è formata da 2435 alunni, di cui 551 sono quelli che frequentano la scuola dell’infanzia, 1151 quelli che sono iscritti alla scuola primaria e 733 ragazzi della scuola secondaria di 1° grado,

Nella scuola primaria sono 40 gli alunni, pari a 2 classi, che hanno dei rientri, mentre per la secondaria sono 197, pari ad 8 classi, che frequentano con il tempo prolungato.

In tutto i capitoli di spesa  sono tre: il servizio mensa, trasporto e altri interventi.

Il primo ha un costo complessivo  di 230 mila euro (3,80 euro di spesa pro capite giornaliera); su tale importo viene richiesto un contributo alla Regione di 75 mila, pari al 33% del costo totale. La contribuzione delle famiglie varierà in base al reddito da un minimo di 2 euro ad un massimo di 4,20.  Grazie ai tickets mensa acquistati dalle famiglie, il comune ha incassato, nel 2015,  82 mila euro, quindi il costo complessivo che oggi sostiene l’ente è di 148 mila euro.

Per il servizio di trasporto (due autobus comunali e uno privato) sono previsti 125.150 mila euro di cui  alla Regione vengono richiesti contributi per 65 mila euro pari al 60% del costo totale. I due servizi gestiti dal comune costano  50.150 mila euro mentre quello privato 40 mila. Il rimanente  importo di 35 mila è per le agevolazioni a studenti pendolari della scuola secondaria di secondo grado. L’assessore Bottalico  ha comunicato a PalodelColle.Net: “Ho appena terminato di distribuire i rimborsi ai 207 studenti pendolari della scuola secondaria di secondo grado per l’anno 2015/2016 che ne usufruiscono per reddito. Entro fine dicembre potranno ritirarli in anticipo rispetto agli altri anni ”.

Infine, per gli interventi vari sono previste spese per 98 mila euro di cui richiesti alla Regione 75 mila, pari al 77% dell’importo totale. Questo capitolo di spesa riguarda in particolare 5 mila euro di  attrezzature per disabili,  7 mila per sussidi e corsi di formazione per docenti e alunni con particolari disturbi, 6 mila per libri e la creazione di un’emeroteca presso la biblioteca scolastica. La voce più imponente è il contributo per la fornitura di libri di testo della scuola secondaria pari a 80 mila euro (109 euro per ciascuno dei 733 alunni).

Globalmente su un impegno totale di  453.150 mila euro  la Regione contribuirà per la metà con  215 mila.