Insieme per Palo: un Movimento per la partecipazione e risoluzione dei problemi

1168

Inaugurata la nuova sede del Movimento ‘Insieme per Palo’, alla presenza della cittadinanza e di autorità politiche bipartisan. Noi di Palodelcolle.net abbiamo incontrato il portavoce Raffaele Tamma che così in un’intervista:

DOMANDA – Come nasce ‘Insieme per Palo’?

RISPOSTA – Il movimento esiste dal 2009 e si è costituito in forma ufficiale il 10-10-2010. Nasce dalla promozione di un gruppo di cittadini che, avendo preso purtroppo visione dell’ incapacità della politica di sapersi assumere responsabilità precise, ha deciso di riunirsi al fine di poter promuovere iniziative che, in alcuni casi sono un suggerimento, in altri casi una promozione diretta, ma che comunque partono da un concetto base: la partecipazione come soluzione delle problematiche. Ognuno è bravo a denunciare i problemi ma meno bravo a condividerli e a cercare di combatterli.

D – Avete un colore politico?

R – Siamo assolutamente trasversali come risulta dal nostro documento di sintesi ma, all’interno del nostro Movimento albergano ideologie diverse. Tuttavia siamo uniti dall’intento di confermare come sia ancora oggi possibile mantener le proprie idee politiche ma condividere i problemi. Comunque la nostra logica è quella del confronto e mai dello scontro.

D – Obiettivi a breve termine?

R – Siamo già intervenuti su diverse problematiche locali, tanto per ricordarne una, le famose cartelle pazze del 2005, oggetto di una trattativa tra noi e l’amministrazione vigente a seguito della quale assunse degli atteggiamenti molto più accondiscendenti. Abbiamo raccolto 3 anni fa, in occasione della Festa degli Archi, circa 400 firme per la promozione di un centro assistenza disabile che avesse sede qui in Palo del colle; con altre forze locali e politiche abbiamo sottoscritto quel famoso documento, poi presentato in Prefettura, per i tanti problemi della sicurezza. Ci siamo resi promotori da sempre della necessità della raccolta differenziata nel nostro Paese.

D – Stasera perché siamo qui?

R – Perché stiamo inaugurando una nuova sede. Ora ci preoccuperemo di renderci disponibili quasi quotidianamente, in orari prefissati, perché tutti coloro che abbiano voglia di partecipare alla nostra iniziativa iscrivendosi al Movimento o di esporci un problema, si possano avvicinare con assoluta tranquillità e facilità a noi.

D – C’è riscontro da parte della cittadinanza?

R – Il termine rassegnazione pare sia il più ricorrente nelle abitudini locali, ecco perché il Movimento vede anche cittadini non palesi: probabilmente per chi vien da fuori questa sensazione di rassegnazione è qualcosa di sufficientemente drammatico. Noi abbiamo all’incirca 120 iscritti la cui partecipazione però non è effettivamente costante, ecco perché cerchiamo in tutti i modi di promuovere ogni possibilità d’incontro, di avviare anche attraverso facebook problematiche di carattere generale per invitare al confronto e alla discussione. Purtroppo abbondano i ‘mi piace’ ma mancano molto spesso i commenti.

D – Il dialogo con l’amministrazione Conte?

R – Nasce all’indomani del conseguimento del successo elettorale dell’attuale sindaco, mentre noi eravamo in una compagine opposta, allor quando lo invitammo ad una nostra assemblea. In quell’occasione sottolineò tutta la meraviglia che quell’invito per lui rappresentava. Noi abbiamo sempre cercato , nel limite delle nostre capacità, di dare proposte, suggerimenti; abbiamo presentato, tanto per dire, nel settembre 2011 una proposta per incentivare la raccolta differenziata con una forma premiale, dal momento in cui il nostro indice resta tra i più modesti del territorio e non riusciamo a raggiungere obiettivi che ci possano consentire, in tema di Tares per esempio, di ridurre gli onerosi costi. Purtroppo questi nostri suggerimenti sono rimasti inascoltati ed è chiaro che guardando a certe situazioni, in qualche occasione il nostro atteggiamento può anche apparire polemico. Ma vorrei ricordare a qualcuno che una società non è fatta soltanto di chi sta con te, ma anche di chi con te vorrebbe affrontare e risolvere i problemi.