Mesi di lavoro per riaprire la Scuola palese in sicurezza. Intervista alla dirigente scolastica Angela Buono.

1931

“Sono mesi che studiamo come disporre gli alunni nel rispetto delle misure anti Covid, che studiamo le planimetrie, come scaglionare entrate e uscite, dividere cortili”. Ha rinunciato alle vacanze estive la dirigente scolastica Angela Buono affinchè l’Istituto comprensivo Mastromatteo-Davanzati, sia in regola, fra qualche settimana, con le direttive ministeriali per la ripartenza. Distanziamento e sanificazione degli ambienti. Sono questi i due requisiti fondamentali da rispettare perchè la didattica possa riprendere in sicurezza in tempi di pandemia. Nel frattempo sono arrivati anche i fondi da parte del Governo per l’adeguamento delle aule anti Covid: 2,4 milioni di euro per le scuole pugliesi di cui 110 mila a quelle di Palo del Colle, ma si è in attesa di altre tranche.

“All’ufficio tecnico del Comune ci hanno spiegato che quei fondi possiamo utilizzarli metà per acquisti e metà per interventi strutturali, non solo inerenti agli adeguamenti anti Covid, ma anche per rendere gli edifici più sicuri e stabili. Noi abbiamo optato per questi ultimi visto che abbiamo la necessità di rendere più sicuri i solai” ha spiegato a noi di PalodelColle.Net la preside Buono. Il problema tuttavia rimarrebbe un altro: l’inagibilità, causa lavori, di un intero plesso, quello di viale della Resistenza, che accoglie i bambini della scuola primaria. “Sono 11 aule da smistare: utilizzeremo i locali mensa, aule di altri plessi. Abbiamo chiesto delle pareti mobili insonorizzate che ci permettano di chiudere gli ampi spazi che i nostri edifici d’epoca hanno, ricreando altre aule. Stiamo lavorando tantissimo per i protocolli – aggiunge la Buono – e tanto dovremo lavorare per la sensibilizzazione delle famiglie. Abbiamo ricevuto fondi per i dpi anche se il Ministero ci ha già fornito mascherine e disinfettanti. Inoltre pur avendone già un po’ a disposizione, abbiamo fatto richiesta dei famosi banchi monoposto”

Una grande mole di lavoro alla quale dovrebbe partecipare anche il Comune di Palo, occupandosi, ad esempio, della sanificazione. Al momento nulla è stato fatto.

Per quanto riguarda l’incontro con le associazioni e i genitori de ‘La Scuola che vogliamo’  tenutosi nei giorni scorsi al Rigenera (https://www.palodelcolle.net/magazine/?s=la+scuola+che+vogliamo), la dirigente Buono si dice disponibile all’ascolto e alla collaborazione per una scuola migliore, puntualizzando però che “dal punto di vista metodologico e pedagogico faremo riferimento ai nostri insegnanti che hanno già una propria formazione e quella è. Per quanto riguarda invece la didattica outdoor siamo molto disponibili anche perchè abbiamo sempre abbracciato questa filosofia. Tuttavia ci sono dei limiti in periodo di pandemia: come trasportare gli alunni nei parchi, lo stato degli ambienti accoglienti, la presenza dei servizi, come ad esempio dei bagni, necessaria. Si potrebbe però rendere vivibili i nostri spazi all’aperto, piantumare alberi, far fare ai bimbi più attività fuori dalle aule. Io però ringrazio tanto l’associazione Genos – ha concluso la dirigente scolastica – perchè con loro ho sempre avuto una grande collaborazione”.

E alla domanda se gli insegnanti abbiano paura di ammalarsi, la Buono non ha esitato un attimo: “No. Ora no”.