735 mila euro per le ‘Periferie aperte’ a Palo del Colle

2347

 Il percorso di co-progettazione avviato con le 41 amministrazioni comunali deII’Area Metropolitana di Bari inizia a dare i suoi frutti anche a Palo del Colle, risultato vincitore di un bando della Presidenza del Consiglio dei Ministri per la riqualificazione delle periferie per un totale di 735 mila euro.  Il  progetto Periferie aperte della Città metropolitana si svilupperà attraverso 37 interventi strategici in 36 Comuni, prevedendo la riqualificazione di 11 piazze, la creazione di 17 parchi urbani polifunzionali, il rafforzamento del greening urbano in 18 Comuni, 11
nuove aree sportive attrezzate, l’implementazione di nuovi dispositivi di sorveglianza e gestione della sicurezza in 17 Comuni, la riqualificazione di 9 vettori di mobilità ciclo pedonale, per un totale di 2 milioni di metri quadri di superficie riqualificata e riconvertita.
  A Palo del Colle, come si può evincere dalla relazione tecnica dell’assessore al ramo Savino, si punta a ricucire lo “strappo urbanistico tra le due città (la parte nuova e quella del nucleo storico) con ampie zone non edificate che entrano prepotentemente nella parte urbanizzata. […] L’indirizzo di questo intervento è quello di migliorare l’offerta dei servizi sportivi e di attività per il tempo libero per colmare questa distanza utilizzando lo sport come aggregatore sociale”. L’obiettivo sarà quello di investire parte della quota per la riqualificazione del centro sportivo ex Alisei “centro sportivo sorto più di 20 anni fa e che rappresenta per la città e i residenti l’unico impianto dedicato a più discipline sportive in un’area pubblica. L’intervento proposto mira al recupero dell’area attraverso il miglioramento della dotazione impiantistica e la manutenzione straordinaria dei corpi. L’intervento proposto amplia l’offerta  sociale  attraverso nuovi servizi e funzioni per l’area interessata”. 

Un progetto importante che avrà come centralità “una rigenerazione dell’intero quartiere e si candida ad essere un nuovo modello per una Palo più inclusiva, più sicura e più vivibile”.

Si dice soddisfatta la sindaca Zaccheo “per gli obiettivi raggiunti da questa amministrazione in pochi mesi grazie a un lavoro di rete progettuale con gli altri comuni della Città Metropolitana e l’impegno nell’intercettare bandi e finanziamenti a costo zero per migliorare la qualità del nostro territorio”