Agricoltori palesi disperati: “Non possiamo andare a lavorare, la strada è crollata”

1100

Dopo due anni disastrosi per l’agricoltura palese, per alcuni contadini della nostra comunità quest’anno sembra non arrivare la meritata tregua. Non parliamo di siccità o grandinate, ma di strade sconnesse, distrutte e quasi impossibili da praticare.

In un paese dove l’asfalto in eccesso viene barbaramente abbandonato all’angolo di una strada già asfaltata, l’altra faccia della medaglia è rappresentata da un gruppo di una trentina di agricoltori che non può raggiungere il proprio terreno perché la strada è irrimediabilmente a pezzi. Le immagini sono esplicative, non si tratta di polemica sterile.

Circa una settimana fa siamo stati contattati da un gruppo di agricoltori palesi che, stanchi dei soliti rinvii e promesse ricevuti dagli uffici del comune (che ha riconosciuto il problema), ci hanno contattato per accendere i riflettori su una problematica grave a cui bisogna rispondere urgentemente. Sono già state protocollate numerose richieste con l’ex amministrazione comunale e non si fermano i solleciti con quella attuale; c’è stata una raccolta firme, infinite segnalazioni alle autorità competenti, promesse di interventi in arrivo ma, ancora oggi, ciò che rimane a questi agricoltori in ginocchio sono trattori rotti, gomme distrutte e tanta rabbia.

img_5726

Arriviamo in macchina nei pressi di villa Ciccorosella e dopo pochi metri siamo costretti a procedere a passo d’uomo. Ci muoviamo con cautela su un tratto di strada rattoppato con mattonelle frantumate e sassolini: pur di non sprofondare nelle grosse buche, gli agricoltori del posto si danno una mano come possono mischiando sassolini e mattonelle rotte. “Non avete visto ancora nulla” ci avvertono i contadini che, tristemente, ci guidano per le strade di campagna, martoriate anche da cumuli di rifiuti speciali dati alle fiamme (tipico delle nostre campagne).

Sono strade che in passato sono state correttamente asfaltate, non di sterrati di campagna in stato di abbandono. “Ogni volta che piove qui diventa un disastro, ci vogliono giorni prima di riuscire a tornare a lavorare. Tra poco inizia la stagione del raccolto e ora più che mai bisogna trovare una soluzione. Alcuni agricoltori vogliono mettere in vendita il proprio terreno, altri preferiscono rimanere a casa per non rovinare auto e trattori”.

Qui il video che documenta nel dettaglio le condizioni del tratto stradale che collega la contrada Pozzo Staglino alla sala Ciccorosella: