Consigli per una pausa pranzo gustosa ed equilibrata!

579

Dichiariamo guerra alla cattiva alimentazione!

Ammettiamolo: in ufficio, a quante di noi capita di dover rinunciare alla pausa pranzo, ritrovandoci a mangiare qualcosa al volo, davanti allo schermo del computer?
Niente di più sbagliato… e di più nefasto, sia per la linea che per la salute!

Abbiamo sottoposto il pranzo “tipo” di 3 donne in carriera all’analisi della dottoressa Aldine, nutrizionista. E il suo verdetto è senza pietà…

Panini, sushi, insalate, piatti pronti… è possibile comprare un pasto equilibrato con la somma equivalente a un ticket restaurant? In altre parole, come fare per mantenere la linea assicurando, al tempo stesso, il giusto apporto nutrizionale al nostro organismo?

L'insalata fatta in casa di Paola

L’insalata fatta in casa di Paola

Paola, 1,63 m – 57 kg

> Il suo pranzo: In genere, Paola porta il suo pranzo da casa. Ecco cosa prevede oggi il suo menù: un’insalata di spinaci e ceci condita con un filo d’olio e dell’aceto balsamico, un pezzetto di formaggio, qualche noce, due mandarini, una composta di mele e prugne, qualche Smarties (piccolo peccato di gola per il piacere del palato) e del tè verde al riso soffiato.

> Sì… Al pezzetto di formaggio (30 gr per assicurare al suo organismo l’apporto nutrizionale di cui ha bisogno). I pranzi femminili, spesso, sono davvero poveri di calcio. Paola pensa anche agli Oméga 3, mangiando delle noci. Quanto ai mandarini, ottima mossa: contengono della vitamina C, indispensabile all’assorbimento del ferro, che rischia di essere compromesso dal tè e dall’assenza di proteine animali.

> No… L’assenza di proteine animali, l’eccesso di zuccheri contenuti dalla composta e nei dolciumi (inutili per il suo organismo). Paola dovrebbe introdurre della carne o del pesce nei suoi pasti e associare dei cereali ai ceci (del riso o del grano).

> Il consiglio della nutrizionista: Paola può concedersi dei dolciumi di tanto in tanto, ma in tal caso dovrà rinunciare alla composta di frutta.

Il sushi di Laura

Il sushi di Laura

Laura, 1,76 m – 59 kg

> Il suo pranzo: Laura ha una vera passione per la cucina giapponese e la sceglie spesso per i suoi pranzi e cene. Ecco il suo pranzo di oggi: zuppa di miso + cinque sushi al salmone + sei maki california (riso, avocado, salmone) + salsa di soia + una lattina di Coca Cola Light. Unico problema: spesso, alle 16 ha di nuovo fame…

> Sì… Il fatto di cominciare il proprio pranzo con un brodo caldo: il che reidrata il suo corpo e prepara il suo stomaco a mettere in moto la macchina dei succhi gastrici, per digerire bene.

> No… Laura non mangia abbastanza e, soprattutto, mangia troppo salato. La zuppa di miso, i sushi e i maki sono ricchi di sodio e, con un pasto come questo, è facile superare l’apporto giornaliero di sale raccomandato (e cioè di 5-6 gr di sale al giorno).
E poi, che fine hanno fatto il calcio, la frutta e la verdura? La sera, Laura dovrà requilibrare la propria alimentazione mangiando uno yogurt e dei mandarini, oltre ai carboidrati e alle proteine animali…

> Il consiglio della nutrizionista: Laura ha capito da sola i limiti della sua alimentazione: a metà pomeriggio ha già fame! Per evitare di aver voglia di mangiare di nuovo così presto, potrebbe associare del riso o della pasta di riso alla sua zuppa di miso.

La pizza di Ines

La pizza di Ines

Ines, 1,75 m – 62 kg

> Il suo pranzo: È più forte di lei… spesso a pranzo Ines non riesce a rinunciare ad una gustosissima pizza. Ma non una pizza qualunque! Quella con mozzarella di bufala e rucola. Per finire, mangia un frutto di stagione (oggi si tratta di una pera). Il tutto innaffiato da acqua minerale liscia. E, per coccolarsi un po’, due caramelle mou… !

> Sì… La pizza che sceglie Ines non è particolarmente grassa. La pasta (carboidrati) è leggera, c’è il pomodoro, del formaggio (calcio) e delle verdure. L’abitudine di mangiare un frutto alla fine dei pasti è ottima.
> No… L’apporto di calcio non è sufficiente. E le caramelle non sono necessarie: è come ingoiare zollette di zucchero!

> Il consiglio della nutrizionista: Per un pranzo davvero equilibrato, Ines potrebbe incominciare mangiando un’insalata di carote alla julienne e associare uno yogurt alla frutta. La sera, invece, dovrebbe mangiare delle proteine animali (uova, pesce o carne).

Fonte: http://www.alfemminile.com/