Palo: aumenta il “rischio incidente” dopo il raddoppio dell’impianto GPL. L’appello di Sinistra Italiana Palo.

1440

Il blog politico del partito Sinistra Italiana di Palo del Colle ha pubblicato, il 7 giugno, un articolo sul raddoppiamento dell’impianto di stoccaggio e distribuzione di GPL nelle vicinanze del nostro centro abitato.

Nell’indifferenza generale della classe dirigente di questo paese, è stato definitivamente approvato dal MISE l’ampliamento dell’impianto ubicato nella zona industriale di Palo del Colle (di proprietà della Energas, ex Autogas meridionale), a meno di 2 chilometri dal centro abitato e circondato da attività economiche“. 

Tutto questo si traduce in un aumento significativo di metri cubi di GPL: da 9 mila a 20 mila, con un conseguente aumento del rischio di incidente rilevante.

Cos’è il rischio di incidente rilevante? – Con il decreto legislativo 105/2015, in attuazione alla direttiva europea 2012/18, viene definito stabilimento RIR (a rischio di incidente rilevante), quello nel quale un incendio o un’esplosione di grande entità può scatenare un pericolo grave per la salute umana o per l’ambiente. L’impianto di Palo del Colle rientra in questa categoria, dal momento che gestisce una sostanza definita “pericolosa” come il GPL. Aumentando la quantità di sostanza in circolo, automaticamente aumenta il rischio di incidente. 

L’ultima strada percorribile (ma dispendiosa), per fermare il raddoppiamento, è quella di presentare un ricorso straordinario al capo dello Stato entro il 17 luglio.

Il partito dunque si rivolge alla cittadinanza palese dando “appuntamento martedì 11 giugno ore 20.00 presso la nostra sede in piazza della Minerva, per chi volesse impegnarsi per iniziare a raccogliere le disponibilità e verificare se la strada è percorribile, fermo restando una reale volontà della cittadinanza a dare un contributo utile alla causa”. 

Fonte: Sinistra Italiana – Palo del Colle